Diritto Al Sonno Notturno In Condominio

La sera poi, visto il caldo, stanno sul balcone (sopra c’è la mia camera da letto) e urlano ridono come se fossero da soli dalle 22.00 fino alle 01.00 ed oltre indipendentemente da che giorno è e se gli chiedo di abbassare la voce mi ignorano. Il regolamento del mio comune obbliga l’isolamento acustico per i locali in cui viene fatto dell’intrattenimento. Da una settimana mi sento molto ferita nella mia libertà di vivere, e stressata per il timore di un qualsiasi rumore, dato che questi si sono lamentati anche con chi tornava da lavoro di notte e semplicemente spegneva l’auto, chiudeva il palazzo e saliva le scale.

Solignani, Non penso che in altre forme di assistenza,peraltro inizialmente gratuite, si possa accedere come nel suo caso. Se Lei abitasse nella mia zona,senz’altro lascerei nelle sue mani il caso specifico e non solo. Procedere più che altro per un senso di giustizia e a distanza di KM.

In sostanza avrei bisogno di capire cosa sia l’orario di quiete pomeridiana e di norma, con quali termini viene regolato da un regolamento condominiale. Sicuramente in caso di schiamazzi e disturbo della quiete dagli avventori del supermercato è possibile chiedere l’intervento delle forze dell’ordine, ma si tenga conto che va ben distinta la possibile violazione di domicilio dalla diversa fattispecie di cui all’art. 659 che punisce il disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone. Tra le due distinte ipotesi contravvenzionali previste dall’art. È ammissibile il concorso; tuttavia perché l’esercizio di una professione o di un mestiere, rumoroso per sé stesso, possa configurare il reato di disturbo arrecato con mezzi non aventi riferimento all’esercizio di professioni o mestieri, deve essere realizzato con abuso dell’agente.

  • Durante la festa un orchestra suona fino a notte, impedendo il riposo alle persone che abitano nei dintorni.
  • L’eventuale azione deve essere condominiale o può essere anche singola?
  • Le preciso che prima della ristrutturazione lì era posizionata la caldaia e la doccia e già all’epoca la signora si lamentava con il precedente proprietario, senza poter fare nulla.
  • Significa, in termini pratici, tenere la televisione al minor volume possibile o evitare di accendere stereo o elettrodomestici che possano essere avvertiti tra un appartamento e l’altro.

Inoltre, quando abbiamo fatto richiesta, ci è stato detto che la documentazione poteva essere consegnata al privato cittadino solo dietro autorizzazione del tecnico competente. Abbiamo da poco comprato casa e l’abbiamo ristrutturata ponendo la caldaia da interno (perché non abbiamo il balcone) sul muro maestro che confina con una vicina, la quale ha posizionata la camera da letto proprio al di là del muro. Il muro maestro è di 7 cm e lei si lamenta che la caldaia (tra l’altro posizionata esattamente dove era quella del precedente proprietario) fa un rumore, a sua detta, intollerabile.

Il mio problema che si trascina avanti da anni è la mia vicina. I nostri giardini confinano ed il http://www.conferencedecitoyens.fr/casino-en-ligne-gratuit/ suo è colmo fino al terrazzo del primo piano di immondizia, c’è talmente tanta sporcizia che lo spazio per lei e le sue bambine di entrare in casa sarà di mezzo metro scarso. Abbiamo chiamato i vigili urbani più di una volta, hanno fatto uscire gli assistenti sociali e pare che per questo lei sia riuscita a sistemare un po’ dentro casa. Ho la foto di un topo nel suo giardino e quando piove arriva un odore putrido e moltissime moschette entrano in casa mia. Potrà immaginare che in un complesso bello e curato a due passi dal centro svaluta le case che le sono attaccate. Ho chiesto agli altri residenti di fare una diffida, ma tutti temono la sua reazione, dato che negli anni non si è dimostrata una persona tranquilla e ragionevole.

Vivo in un appartamento lungo la statale Adriatica, una strada molto trafficata essendo una delle vie di principale percorrenza per attraversare la città . Io sinceramente sto cominciando ad avere problemi fisici seri e talvolta il rumore e la vibrazione sono così stressanti che avrei voglia di buttarmi dalla finestra. Sono anni che cerco in tutti i modi di far porre rimedio a tale problema ma dai proprietari della piscina ho ricevuto solo il contentino di qualche giorno di pace.

I miei figli che giocano in giardino il pomeriggio e in queste giornate di didattica a distanza potrebbero avere danni alle orecchie a lungo andare. Avvicinandosi l’estate inoltre non potrò più aprire le finestre perché è un rumore fastidioso e costante. Prima dell’installazione si sentivano gli uccelli cantare e il vento negli alberi e nemmeno i rumori delle auto di passaggio si percepivano. Da parecchi anni sul campo sportivo si sono organizzate sagre e altri eventi che come al solito dalle nostre parti si protraggono fino a tarda serata e con musica ad altissimo volume. Le cose già per se gravi sono peggiorate nell’estate del 2019 quando la sagra del paese per problemi con il gestore del complesso sportivo è stata spostata nel complesso della scuola materna.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *